Header image

Comunicato ANPI – BAT Acqua Bene Comune

La Sezione Provinciale ANPI BAT è in prima linea a fianco del Comitato Referendario “2 SÌ PER L’ACQUA BENE COMUNE” condividendone preoccupazioni, contenuti e finalità.
L’ANPI è contro la svendita e la privatizzazione dei Beni Comuni, in primis l’Acqua!. “Più futuro per la democrazia” è la sfida che l’Anpi ha lanciato a chiusura del suo 15° Congresso Nazionale svoltosi a Torino dal 24 al 27 marzo.  Una sfida possibile grazie anche ai tanti giovani che da 5 anni stanno entrando nell’Associazione, alla ricerca di valori forti, di “radice” su cui investire il loro impegno civile.
L’autoritarismo e il populismo di questo Governo stanno stravolgendo la democrazia repubblicana.
E’ a rischio il diritto che fonda la nostra identità repubblicana: sono a rischio i diritti fondamentali, garantiti, in linea di principio, dalla Costituzione.
L’aggressione alle istituzioni prosegue inarrestabile. Ridotto il Parlamento a ruolo di passacarte dei provvedimenti del Governo, sotto tiro il Presidente della Repubblica, vilipesa la Corte Costituzionale, ora è il turno dei Referendum
Davvero preoccupante è infatti l’ultima trovata del governo: la fuga dai referendum.
Mentre tentano lo scippo del referendum sul nucleare – scippo tutto da verificare, visto che devono ancora pronunciarsi un ramo del Parlamento e la Corte di Cassazione –, il Governo e i poteri forti di questo Paese vogliono provare a fare lo stesso con i due referendum sull’acqua.
Alle tuonanti dichiarazioni del Presidente di Federutility, Roberto Bazzano, che ha chiesto espressamente un intervento legislativo per fermare i referendum sull’acqua, risponde il ministro Romani con l’apertura ad un approfondimento legislativo ad hoc.
A Governo, Federutility e Confindustria diciamo chiaramente : “Non ci provate, giù le mani dai referendum!”.
I referendum sull’acqua hanno ottenuto le firme di 2 milioni di cittadini , senza alcun sostegno di grandi organizzazioni, senza visibilità nel sistema dei media.  Una straordinaria mobilitazione che chiede l’uscita dell’acqua dal mercato e dei profitti dall’acqua. Che vuole la tutela condivisa di un bene comune essenziale e di un diritto universale. Che rivendica il proprio diritto a decidere in prima persona.
Un grande movimento che non permetterà alcuno scippo dell’acqua e della democrazia. Perché solo la partecipazione è libertà.
Riportiamo un passaggio dal testo del saluto di S. E. Mons. Mariano Crociata, Segretario della CEI, al convegno “Sorella Acqua”, organizzato dai dieci distretti di Italia, Albania, Malta e San Marino del Rotary International, tenutosi il 16 aprile ad Assisi: “…è muovendo da questa storia che ci sentiamo coinvolti, custodi e responsabili di quella risorsa preziosa che oggi è l’acqua, bene troppe volte ridotto a merce, a valore economico, a oggetto di scambio, da cui si vede escluso chi non ha possibilità di reddito per assicurarsela.
A questo diritto umano fondamentale, legato al diritto stesso alla vita, circa un miliardo e mezzo di persone manca di un accesso adeguato; e più ancora sono quelle prive di una sufficiente disponibilità di acqua potabile….. In questo scenario conservano tutto il loro peso i processi di privatizzazione, che vedono poche multinazionali trasformare l’acqua in affare, a detrimento dell’accesso alle fonti e quindi dell’approvvigionamento, con conseguente perdita di autonomia da parte degli enti governativi.
Il tema va affrontato dalla comunità internazionale, per un uso equo e responsabile di questa risorsa, bene strategico – l’oro blu! – attorno al quale si gioca una delle partite decisive del prossimo futuro. Richiede un impegno comune, che sappia orientare le scelte e le politiche per l’acqua, concepita e riconosciuta come diritto umano, come bene dalla destinazione universale
”.
L’ANPI invita dunque tutti i suoi iscritti, gli antifascisti e i democratici a partecipare alla Conferenza promossa dal  Comitato Referendario “ 2 SÌ PER L’ACQUA BENE COMUNE”  ed alla presentazione del libro “ Geopolitica dell’Acqua” di Margherita Ciervo, ricercatrice presso l’Università degli studi di Foggia, che si terrà a Barletta mercoledì 4 maggio alle ore 19,00 presso la Sala San Francesco – Parrocchia Immacolata (Monaci)
Con l’autrice interverranno:

FRANCESCO MASCOLO – Diacono Permanente, Coordinatore Caritas Barletta
VINCENZO SPINA – Referente Provinciale Comitato Referendario BAT “ 2 SÌ per l’Acqua Bene Comune”

Modererà l’incontro:

GIUSEPPE CURCI – Giornalista Redazione Gazzetta del Mezzogiorno

Saluti :

EDOARDO CENTONZE – Gioventù Francescana Barletta

Aderiscono al Comitato Referendario e promuovono la conferenza:

CARITAS DIOCESANA TRANI-BARLETTA-BISCEGLIE ٠ ANPI BAT ٠ GIOVENTÙ FRANCESCANA Barletta ٠ COLLETTIVO EXIT ٠ CIRCOLO ARCI “CARLO CAFIERO” ٠ LIBERA ٠ RETE DEGLI STUDENTI MEDI ٠ WWF Barletta ٠ CGIL BAT ٠ UIL BAT

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>