Header image

Nicola Sernia

Nato a Barletta (Bari) nel 1910, caduto a Celenza Valfortore (Foggia) il 5 ottobre 1943, maresciallo dell’Esercito, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

L’armistizio sorprese Sernia mentre prestava servizio come artificiere (era in forza al Deposito del 9° Reggimento d’artiglieria), presso la Guardia di Finanza a Gorizia. Il maresciallo rifiutò di arruolarsi nell’esercito della repubblichina di Salò e per questo fu arrestato. Riuscito a fuggire, Sernia raggiunse la linea del fronte nel Meridione e si mise ad organizzare squadre di patrioti, guidandoli nell’opera di neutralizzazione delle mine che i tedeschi avevano piazzato per ostacolare l’avanzata degli Alleati. Sorpreso dai tedeschi mentre stava sminando la strada tra Tredici Archi e Celenza, cadde colpito a morte.

Nato a Barletta (Bari) nel 1910, caduto a Celenza Valfortore (Foggia) il 5 ottobre 1943, maresciallo dell’Esercito, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

L’armistizio sorprese Sernia mentre prestava servizio come artificiere (era in forza al Deposito del 9° Reggimento d’artiglieria), presso la Guardia di Finanza a Gorizia. Il maresciallo rifiutò di arruolarsi nell’esercito della repubblichina di Salò e per questo fu arrestato. Riuscito a fuggire, Sernia raggiunse la linea del fronte nel Meridione e si mise ad organizzare squadre di patrioti, guidandoli nell’opera di neutralizzazione delle mine che i tedeschi avevano piazzato per ostacolare l’avanzata degli Alleati. Sorpreso dai tedeschi mentre stava sminando la strada tra Tredici Archi e Celenza, cadde colpito a morte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

-->